venerdì 6 gennaio 2017

VOCEMAGIC GELOSO per REGISTRAZIONI AUTOMATICHE


DI Ezio Di Chiaro
   Registratore G 268 completo di Vocemagic, miscelatore ,cuffia e pick-up telefonico

   Primo Vocemagic N° 9095-A  per registratore G 268  e   circuito transistorizzato  a vista

Schema del primo Vocemagic per il registratore G 268

Visionando vecchi  bollettini Geloso in particolare quelli che descrivono le classiche radio casalinghe valvolari nelle caratteristiche tecniche  viene  indicato che alcuni  modelli  sono  dotati  di “ OCCHIO ELETTRICO” o   indicatore di sintonia elettronica a differenza di altre aziende quasi la maggioranza che normalmente veniva   indicato come “ OCCHIO MAGICO per accrescere prestigio ai loro apparecchi radio . Questa differenza  era voluta  dall’ing Geloso in quanto a suo dire di MAGICO non cera niente ma era una  speciale valvola che permetteva di visualizzare la perfetta sintonia della radio. Purtroppo l’ing. Geloso dovette ricredersi su questa affermazione quando dovette inventarsi un nome per un nuovo accessorio per i suoi registratori  da lui denominato “VOCEMAGIC”   che ora descriverò. Da tempo arrivavano richieste a direttori delle filiali, ai centri di assistenza e direttamente alla sede centrale di viale Brenta da una clientela di professionisti come avvocati, notai, commercialisti ecc… chiedevano se fosse  stato  possibile realizzare un accessorio per i loro registratori che permettessero di effettuare registrazioni in automatico delle conversazioni che avvenivano  nei loro studi legali. Ora io non so’ quanto fosse lecito fare registrazioni all'insaputa dei loro clienti ,ma visto che le richieste era sempre maggiori l’azienda prese in considerazione queste problema  iniziando a studiare come risolverlo .Tecnicamente la soluzione non presentava grossi problemi si trattava di realizzare  un circuito transistorizzato autoalimentato dal registratore che in presenza di un segnale proveniente dal microfono  automaticamente  desse il via alla registrazione per  passare in st-by a fine  conversazione. Il problema maggiore era di realizzare un microfono  abbastanza sensibile da mimetizzare sulla scrivania , mi raccontava diversi anni fa’ l’ing, Velicogna storico collaboratore dell’ing. Geloso un giorno mentre discutevano in ufficio sullo  sviluppo di questo  speciale microfono l'ing. Geloso ebbe un sussulto e disse guardando un vecchio calamaio utilizzato da fermacarte da anni  sulla  sua  scrivania disse e se lo realizziamo in un calamaio? Come era solito fare in quelle occasioni armatosi di matita ed un foglio di carta comincio ad abbozzare un disegno da consegnare in seguito ai disegnatori e poi all’ufficio progetti.


  Microfoni  piezoelettrico  per scrivania M 55 completo di penna sfera

Era nata l’idea per la realizzazione  del  microfono M 55 sarebbe stato   costituito  da una basetta  trasparente  una capsula piezo UN 11S  inserita in  un contenitore nero che ricordava il calamaio mentre nella parte superiore  veniva  inserita una normale  penna a sfera nera.  In pochi giorni fu realizzato il prototipo della parte elettronica  gli stampi per il contenitore nero  e la basetta e nel giro di qualche settimana il prototipo era  funzionante ed  iniziava i collaudi in camera anecoica con ottimi risultati. La produzione in serie come al solito  fu affidata alla Magnetofoni Castelli azienda che realizzava tutti i registratori a marchio Geloso. (http://air-radiorama.blogspot.it/2013/12/storia-della-registrazione-magnetica-in.html)

 
  
 Questo accessorio prese il nome di “VOCEMAGICN° 9095/A adatto a funzionare con il registratore valvolare  G 268 allora in produzione e inserito nel bollettino N° 81 del 1961 (http://www.arimi.it/wp-content/Geloso/Bo81.pdf). Dopo qualche anno il registratore G 268 fu sostituito dal nuovo modello transistorizzato G 680 con un nuovo “VOCEMAGIC” N°9096 http://www.arimi.it/wp-content/Geloso/Bo92.pdf ,in seguito con alcune migliorie nasceva  il G 681 con un altro” VOCEMAGIC “  semplificato e di dimensioni più contenute il N° 9097 .http://www.arimi.it/wp-content/Geloso/Bo92a.pdf

Registratore G 681 con Vocemagic N° 9097 microfono di serie M 56 e microfono t 25 con telecomando

Seguirono altri modelli di registratori come il G 650/ G 651/  G 570   dotati di una meccanica semplificata  ma  non adatti a funzionare con il “VOCEMAGIC” . Ma  l’idea non fu abbandonata negli anni settanta fu realizzato per i nuovi registratori Compact  Cassette 19/111 -19/113 ed altri   un “VOCEMAGIC”   20/1 seguito dal   20/2 , ma ormai l’era del “VOCEMAGIC “ era quasi  finita , commercialmente fu un grande successo venduto in tutto il mondo con grande soddisfazione .

Registratore Compact  Cassetta  G 19/111 dotato di Vocemagic  20/2
  
 

    Vocemagic  20/1 e 20/2  con circuito a vista                                       Schema  20/1

    Tre modelli di Vocemagic  per i registratori G 268-G 680/681 7 e G 19/111 ecc
Vecchio telefono dotato di Pick – Up per registrazioni automatiche tramite Vocemagic

  Dal bollettino N° 110/111  che ritrae gli astronauti  ed  i registratori Geloso G4/10 versione per il mercato USA 

Ma la soddisfazione maggiore arrivò quando la  AMERICAN GELOSO ELECTRONICS di New YorK  filiale USA  comunicava che gli astronauti Armstrong ,Aldrin,e Collins di ritorno  dalla operazione “luna”  della missione Apollo  11 luglio 1969 ora  in quarantena registravano  le interviste scientifiche  con registratori Geloso G4/10  versione USA a 117V 60 Hz identici al nostro G 681  gli unici dotati di “VOCEMAGIC” purtroppo il grande John  non poté  godere di questa grande soddisfazione ci aveva lasciato per sempre qualche mese prima. (http://www.fracassi.net/iw2ntf/manuali/Bollettini%20Tecnici%20Geloso/Bo110-111.pdf)

        Alla prossima  

                    Ezio


Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.