sabato 10 settembre 2016

Ricevitore RP2 2 MHz – 12 MHz

di George Cooper IU0ALY  del Boatanchors Net

Versione transistorizzata Serbo-Croata dell'rx della GRC-9. Funziona con due pile piatte da 4,5V in vendita nei supermercati. Da 2 a 12 MHz....divertente in cw...ottima per le broadcasts. Si chiama RP2...finalmente son riuscito a trovarla....85 euri....fornita con un minuscolo altoparlantino. Ha un'ottima sensibilità ed ha pure il preselettore.
Service manual in rete.....in serbo-croato...un po' si capisce.






RP2 e' una radio molto utilitaristica ed e' nata esclusivamente per ascoltare la telegrafia, e devo dire che se la cava molto bene. La banda passante audio va da 300 a 1500 Hz, proprio per migliorare l'ascolto. Bisogna dimenticarsi l'ssb....non e' nata per questo scopo, anche se volendo e' possibile modificarla variando due resistenze ed un condensatore per allargare la banda audio....ma non ha senso. La radio e' sensibile, basta un pezzo di filo ed ascolti tutto, compresa la wwv a 10 MHz. Non occupa spazio, assorbe pochissimo, e' robustissima.





Per maggiori informazioni si può scaricare  il service manual in serbo croato in pdf di 158 pagine (molto ben fatto) su RADISTA, http://www.radista.info/

Radio prijemnik RP-2 Uputstvo za održavanje i remont. JNA - 1971.g. Pripremio Miša Stevanović -YU1MS
(.PDF) .ZIP~11 MB DOWNLOAD


NDB Non-directional beacons



Il Non-directional beacons, conosciuto anche con la sigla NDB, è un radiofaro non direzionale molto diffuso, assieme al VOR, e usato per la navigazione aerea strumentale (IFR).  https://it.wikipedia.org/wiki/Non-directional_beacon 

Il blog ha trattato diversi post sugli NDB, segue un elenco di link :

Come interpretare i Radiofari NDB - Prima puntata
Come interpretare i Radiofari NDB - Seconda puntata
Come interpretare i Radiofari NDB - Terza puntata

 Le mie esperienze, che fine hanno fatto gli "NDB"   

 http://air-radiorama.blogspot.it/2013/11/le-mie-esperienze-che-fine-hanno-fatto.html


NDB -1a puntata
NDB -2a puntata
NDB -4a puntata  (3)

Lista Radiofari NDB (Non Directional Beacon)

Se volete  condividere i vostri ascolti di radiofari NDB ecco una  Lista aggiornabile in tempo reale.



venerdì 9 settembre 2016

Immagini e voci dall' etere - Il video

Percorso illustrato sulla mostra " 1926-2016 Immagini e voci attraverso l'etere. Dalla televisione a scansione meccanica alla prima tv privata via cavo piemontese.

Video della mostra organizzata e capitanata  dall' AIRE Piemonte assieme a molti altri soggetti ( tra cui l'AIR ) :




giovedì 8 settembre 2016

Annunciato un altro ricevitore DRM. Una nuova mania?


Deve essere scoppiata la DRM mania. A distanza di poco tempo dall'annuncio del Titus II (leggi su questo Blog CLICCA QUI) ecco arrivare quello del nuovo ricevitore DRM Gospell GR-216

Dalla Gospell viene annunciato come il rappresentante della nuova generazione di ricevitori DRM a prezzo accessibile e alta qualità, ovvero con sensibilità elevata, registratore incorporato, e due input di antenne esterne, oltre allo stilo. Bande coperte: MW, SW, FM con RDS. (vedi la presentazione dul sito dell'azienda CLICCA QUI e di DRM.org CLICCA QUI)

Un buon articolo ragionato, a firma di Andrea Lawendel, lo potete trovare sul blog Radiopassioni: CLICCA QUI buona lettura.

Accessori per il nostro ricevitore SDR: il Tuning Dial


 di Black Baron

      Come umanizzare e vivere in armonia con un ricevitore SDR interfacciato al PC


Negli ultimi anni l’interesse verso i ricevitori SDR e il controllo via CAT di tutti gli apparati radioamatoriali è notevolmente incrementato. Chiavette RTL e ricevitori SDR hanno possibilità quasi illimitate rispetto ai più tradizionali ricevitori in “carne ed ossa”, basta un aggiornamento del software, un plug-in innovativo e subito ci troviamo comandi nuovi, filtri e un’infinità di accessori interessanti per rendere la vita più facile anche al più incallito appassionato di radioascolto. Inutile aprire la facile diatriba sul mezzo più efficace per allietare le ore passate alla radio, ci sono veterani sostenitori  dei ricevitori tradizionali e ovviamente anche i più tecnologici che preferiscono gli SDR. Per mio conto uno non esclude l’altro e mi piace circondarmi sia degli uni che degli altri. Certo è, che l’asettica scatoletta munita di qualche led, un interruttore e una presa USB per quanto oggetto di design ricercato non può reggere la ricchezza di comandi e lucine di ogni ricevitore che si rispetti, ma del resto l’SDR non ha fronzoli, deve essere pratico, piccolo, portatile è questo che ne fa un grande mezzo. Passo volentieri dal piacere dei display accesi e dei comandi manuali alle potenzialità di vedere i segnali sullo schermo del PC e poter cercare ciò che m’interessa con il mouse, e oramai la precisione e le potenzialità di un buon sistema SDR sono irrinunciabili se la passione è molta.
Il mouse, si appunto, è lo strumento che più usiamo per interagire con il PC, a volte esistono delle scorciatoie da tastiera ma un po’ per pigrizia usando vari software di ricezione è facile dimenticare il tasto giusto per cambiare la larghezza di banda del filtro o per il cambiamento del modo, per passare ad esempio da AM a LSB, USB, ecc..  Un’altra grande mancanza con l’uso del PC è la perdita del piacere di sintonizzare con la manopola tradizionale il segnale in arrivo al nostro ricevitore SDR, è forse questo che fa perdere il feeling tipico che si ha con un ricevitore tradizionale. L’appassionato di radio dopo un po’ di tempo sviluppa una sinergia che coinvolge l’avambraccio, il polso, la mano e le dita per sfociare in una vera e propria fusione dell’arto con la manopola di sintonia.
Si narra di un SWL che in seguito a sindrome del tunnel carpale e varie patologie degenerative dovute a questa maniacale abitudine si sia fatto amputare la mano inserendo al suo posto una protesi con un motore passo-passo per riuscire a perfezionare la difficile arte della perfetta sintonia, ma di questo e altre affascinanti storie che veleggiano e vaneggiano in rete e nell’etere ne parleremo un’altra volta.
Quindi, tornando a noi la manopola della sintonia per alcuni è un componente importante per garantire quel feeling con il ricevitore. Scavando nei cassetti del “laboratorio” mi è apparso quest’oggetto comprato anni fa per altri scopi e poi caduto in disuso che vedete qui sotto (Fig1).
                      
Figura 1: Griffin Powermate.


                                                     
 Si tratta di un ”rotellone” in alluminio dal design accattivante, con una base gommosa che ne garantisce un certo grip sulla superficie d’appoggio. Questo encoder dalle dimensioni simili a un classico tuning dial dei nostri ricevitori tradizionali s’interfaccia tramite un cavetto USB al PC. Stiamo parlando di un prodotto superato che però si può ancora trovare facilmente in rete nuovo o usato a prezzi modesti. Nasce per assolvere alle più svariate funzioni per i programmi di video editing o più semplicemente per regolare il volume di una sorgente sonora del PC. La peculiarità del dispositivo  è che una volta installato il modesto software che ne garantisce la gestione (Fig.2) potremo settare la manopola per replicare dei comandi da tastiera o per simulare la rotella del mouse. Ovviamente certe operazioni diventeranno più gradevoli garantendo la semplicità operativa con certi software ricchi di funzioni.

Figura 2: Schermata di configurazione del Powermate.
                            
È possibile dare ad esempio un comando di rotazione a destra simulando il tasto del software in uso per l’incremento della sintonia e ovviamente ruotando a sinistra simulare l’opposto tasto per il decremento. Si può ad esempio ruotare schiacciando la manopola e ottenere un comando diverso come il cambiamento della larghezza di banda o altro e con un click o un doppio click avere ancora due comandi replicati. Alla fine avremo sei comandi replicabili con un unico dispositivo e la possibilità di salvare tutte le configurazioni che vogliamo per i vari programmi. Passati i primi momenti di euforia, ho fatto una modifica ritagliando un pezzetto di camera d’aria di bicicletta e collocandolo sul laterale esterno della manopola (Fig.3) ne ho aumentato il grip durante le rapide rotazioni.
                                            
                      Figura 3: Più grip con la gomma sul lato della manopola.                       
Non pienamente soddisfatto per la mancanza dell’incavo tipico che agevola la rotazione solo con l’indice, mi sono procurato un modello più ricercato che si può vedere a destra del primo encoder. Si tratta del Contour ShuttleXpress (Fig.4) usato da grafici, musicisti e altri ancora per agevolarsi in operazioni ripetitive da svolgere al PC.
                                    

Figura 4: Contour ShuttleXpress.


Qui troviamo un dial interno molto agevole che consente ad esempio la sintonia del ricevitore SDR. All’esterno è presente una ghiera dentellata gommata con una posizione centrale richiamata da una molla che permette sette comandi in senso orario e sette in anti-orario. Ho configurato la ghiera in modo che a seconda di quanto si giri a destra o sinistra si possa incrementare o meno la sintonia più velocemente. Esempio, sono a 7000 Khz. e voglio eseguire una sintonia fine, uso il dial centrale con l’indice per sposarmi di qualche Hz., poi voglio passare velocemente a 7200 Khz. evitando di farmi venire un crampo? Inizio a girare la ghiera esterna in senso orario e più giro verso destra la ghiera e più prende velocità la sintonia. Il trucco è che per ogni passo della ghiera è possibile simulare ad esempio che lo stesso tasto sia premuto da una a 60 volte al secondo.  Procedendo dal primo step con due ripetizioni e crescendo nei successivi fino alla frequenza di ripetizione “as fast as possible” indicata nei settaggi si ottiene un comando di sintonia così versatile che non è presente penso neppure nei ricevitori di fascia molto alta.                                                 
Figura 5: Finestra settaggi del Contour ShuttleXprerss.

Per finire, la presenza di cinque tasti completamente configurabili  può tornare utile per cambiare span, modi, filtri e ciò che ci aggrada. Il software di configurazione è completo e l’installazione del dispositivo tramite cavo USB non richiede alcuna particolare attenzione. Come il precedente dispositivo anche questo permette di salvare e richiamare le configurazioni secondo necessità. Un appunto, lo ShuttleXpress vuoi perché più recente come hardware ed encoder ottico montato, o vuoi per il software ottimizzato in fase di compilazione, è più preciso, reattivo e configurabile rispetto al datato Powermate. Ora entrambi i dispositivi sono presenti sul tavolo a lato del mouse e li uso per agevolarmi e rendere più “umano” l’uso con i ricevitori SDR.
Con l’FDM-S2 e il suo software proprietario controllo volume, sintonia, span, zoom, larghezza di banda dei filtri e la risposta dei comandi è lodevole.  Tengo a precisare che queste righe non vogliono recensire o a elogiare i prodotti di cui ho scritto e che non ho nessun interesse a dover pubblicizzare, del resto per questo basta digitare due righe sul motore di ricerca ed erudirsi o confondersi con molto materiale, ma vogliono dare spunto delle potenzialità di questi dispositivi a chi come me vuole sempre cercare di migliorare la postazione di “lavoro”.

Buoni Ascolti!                                       


  Black Baron

Ascolti metropolitani

Ciao,
Ascolti fatti in relax, da Milano, in mezzo al rumore cittadino, principalmente con il Drake R8E. Molto attivi i 49 metri al mattino; Radio Habana Cuba ha attive 4 (!) frequenze in parallelo, con il programma in inglese. R. Nacional dal Brasile a bomba.



 6000 08/09 05:16 R. Habana Cuba, talk // 6165, 6100, 6060, EE. Fair (SIO 433).
 6060 08/09 05:11 R. Habana Cuba, talk // 6165, 6100, 6000, EE. Good (SIO 454).
 6100 08/09 05:06 R. Habana Cuba, talk // 6165, 6060, 6000, EE. Very good (SIO 555).
 6135 08/09 05:07 R. Aparecida, talk and music, PP. Fair (SIO 354).
 6165 08/09 05:02 R. Habana Cuba, ID, talk // 6100, 6060, 6000, EE. Good (SIO 454).
 6180 07/09 05:20 R. Nacional Brasil, music program "Madrugada Nacional", PP. Very good (SIO 454) 
15344 07/09 19.05 R. Argentina al Exterior, TK, II. Poor (SIO 242).

73,

Michele D'Amico IZ2EAS - Milano

RXs (modern) : Perseus, Drake R8E, Icom R72
RXs (vintage): Collins 51S1, Drake R4C, BC348R, Russian R-326
Antenna:    Cushcraft R8 vertical (ham bands, 9 metres high)
More infos: https://www.qrz.com/db/iz2eas
Facebook:   https://www.facebook.com/michele.iz2eas

Restauro del ricevitore Geloso G4-216


Di Luciano Fiorillo I8KLL  del Boatanchors Net

Si inizia con lo smontaggio di tutte le parti del ricevitore sia meccaniche che elettriche.

Il  telaio è stato cosi trattato: rimozione ruggine con carta abrasiva,  spazzola metallica e  minidrill munito di fresa per rimuovere i  tarli di ruggine. Grazie al prezioso consiglio di  Roberto  OKT,  ho trattato la lamiera con il Metalcromo. Infine ho spruzzato un velo di vernice nitro trasparente per ulteriore protezione, questo velo di trasparente deve essere dato in modo veloce e sottile, pena lo scioglimento del Metalcrome precedentemente depositato
  

    





    

Ecco il G216 riassemblato, funzionante e pronto per l'utilizzo. 

                                                   Schema ricevitore G4/216
     




Bollettino Geloso  n 103   http://www.arimi.it/wp-content/Geloso/Bol103.pdf

        73

      Luciano


mercoledì 7 settembre 2016

DWD Meteo 6180 kHz e altri ascolti con SDR Console V3

Ecco qualche ascolto fatto mentre stavo provando il nuovo programma SDR Console V3 arrivato alla preview 3 con il ricevitore SDRplay. Simon lo sta sviluppando, ma ancora non è arrivato a una versione beta. In questa versione ha comunque aggiunto anche il registratore di banda.

DWD Pinneberg, Germania
677.5 5/9 2100 Radio Beghazi, Libya, Arabic, long talks, phone talks, good
828 4/9 1900 Z-100, Pavia area, Italy, VOA news, disco songs, fair

2642 4/9 1946 Genova Radio, Italy, maritime info, good USB
2656 4/9 1949 Ancona Radio, Italy, maritime info, weak USB
2680 4/9 1951 Cagliari Radio, Italy, maritime info, weak USB
5649 4/9 2148 Gander Radio, Canada, USB, working airplanes, fair

5950 4/9 1955 V. o. Tigray Rev., Ethiopia, talks, fair stopped at 2000 by KBS
6000 4/9 2002 Brother Stairs, via Sofia, Bulgaria, usual talks, good

6070 4/9 2005 SATzentrale, Rohrbach, Germany, German, media news, good
6090 4/9 2009 Amhara State Radio, Ethiopia, HoA music, fair
6110 4/9 2012 Radio Fana, Ethiopia, songs, good
6135.2 4/9 2235 Radio Aparecida, Brazil, religious songs, weak
6180 4/9 2015 DWD, Pinneberg, Germany, USB, German, meteo info, good
6518 4/9 2120 Voice of the People, S. Korea to North, Korean, talks, fair //6600
6600 4/9 2120 Voice of the People, S. Korea to N. Korean, talks, fair //6518
6676 4/9 2140 Bangkok Volmet, Thailand, meteo info, English, fair USB

9664.9 4/9 2112 Voz Missionaria, Florianopolis, Brazil, songs, fair/good //5939.9
10000 4/9 2107 Observatorio Nacional, Sao Paulo, Brazil, ids time, fair

11600 4/9 2038 Denge Kurdistan, via Sofia, Bulgaria, songs, good
11620 4/9 2042 AIR, Bengaluru, India, Indian music, fair  //11670
11764.6 4/9 2048 Super Rádio Deus é Amor, Curitiba, Brazil, talks, fair/good
11780 4/9 2052 Radio Nacional Amazonia, Brazil, sport, fair
11854.8 4/9 2057 Radio Aparecida, Brazil, religious, weak
11860 4/9 2100 Rep. Yemen Radio, via Saudi Arabia, Arabic songs, good
11930 4/9 2103 Radio Martì, Greenville, USA, Spanish to Cuba, reports, fair, jammed

martedì 6 settembre 2016

Un interessante ricevitore rumeno : R3110 (R35T)


Di Roberto Lucarini IK0OKT del “Boatanchors Net”   


Sempre a caccia di radio che diano nuovi stimoli, sono capitato quasi per caso su questo interessante ricevitore HF. L'oggetto, insolito per me, che in genere tralascio quasi tutte le radio pensate esclusivamente per i militari ,mi ha incuriosito per la sua ampia copertura di frequenza e per il fatto di avere diversi gradi di selettività; nella  foto sopra lo vedete assieme al suo alimentatore 220-12 V. E' un ricevitore militare rumeno di medie dimensioni, per uso campale risalente ai primi anni '70. In rete si trovano abbastanza poche informazioni, ma fortunatamente dal sito di uno YO si può scaricare il service manual (in rumeno...) E' costruito totalmente a semiconduttori sia al germanio che al silicio ed è a doppia conversione sulle prime due bande ed a tripla nelle tre bande superiori

 L’altra  denominazione del ricevitore è R 35 T.


Nella seconda foto potete veder un primo piano del frontale. Come potete notare ha due manopole, una per la sintonia grossolana, l'altra per la sintonia fine che però funzionano in maniera assai diversa dai "bandspread" cui siamo abituati: ci si posiziona con "acord brut" ad esempio a 7.200 KHz e con "acord fin" si può spaziare 50 KHz sopra o sotto la frequenza dell'accordo grossolano....la frequenza coperta è insolitamente ampia, va da 1.250 KHz a 30,1 MHz coperti (quasi) in continuità in sei gamme d'onda.....

Band I     -   1.5 to 2.5   MHz
Band II    -   2.9 to 5.0   MHz
Band II    -   5.0 to 6.9   MHz
Band IV   -  6.9  to 12.5 MHz
Band V   -  12.5 to 21.1 MHz
Band VI   - 21.1 to 31.1 MHz



 




Riceve in AM e CW con BFO, sia con AGC che senza, e demodula la SSB con una facilità che certi suoi colleghi verdastri di Cedar Rapids si sognano.....
La banda passante può essere variata a scatti da 0.6 - 2.0 - 4.0 e 7.0 KHz, e questo è stato il motivo che me lo ha fatto prendere.....Uscita audio su cuffia da circa 120 oppure uscita di linea a 600 Ohm, da dove ovviamente si può pilotare un amplificatore BF esterno....Usando il solito trasformatorino 600-8 Ohm comunque l'uscita cuffia è tranquillamente in gradi di pilotare un ellittico di medie dimensioni come quello di un MS-4 Drake.



La stabilità è a dir poco notevole, e la possibilità di variare l'amplificazione IF separatamente dalla BF permette di usarlo oltre che con antenne corte anche con il dipolo dei 40 metri, senza particolari difficoltà. Sulle gamme BC nella posizione 7.0 KHz se lo si abbina ad un ampli esterno, se ne ottiene anche un ascolto di ottima qualità. E' dotato inoltre di un filtro BF a 2.5 KHz inseribile a piacimento con il comando "filtru" che elimina parecchio soffio.....La costruzione è in lega con coperchi amovibili muniti di guarnizioni che lo rendono quantomeno stagno agli spruzzi quando è chiuso...Si alimenta a 12-14 Volt ed assorbe assai poco, circa 500 mA. Un'occhiata all'interno rivela una costruzione ordinata, fatta a moduli separabili (dissaldando un pò di fili). Come in altre radio dell'Est è chiaramente visibile l'influenza che ebbero le radio tedesche WW2 sui progettisti dell'ex USSR......vedasi il tamburo e la fusione che lo sostiene.
C'è poi un comando del quale non ho capito bene la funzione "cu sincr." ..... azionandolo la radio parte con una scansione e va a ad agganciarsi alla portante più forte che trova nel range dei  KHz.....in CW-SSB pare non aver effetto....un auto-tune? boh ! In estrema sintesi, un RX interessante e funzionale, anche se prettamente per uso militare, e quindi dopo averci giocato un altro pò farà la fine di quasi tutte le altre radio in grigioverde capitate nel mio shack, verrà preferibilmente scambiato con nuovi giocattoli.

Schema a blocchi RX R3110  (R35T)

                

Fonti: tutto quello che ho trovato in rete....
Service Manual R35T (R3110)   http://www.qsl.net/yo4hfu/R35T.html

    
           73

    Rob IK0OKT


La  funzione "cu sincr” nel  RX R3110 (R35T)

Di 'Tiziano'  del Boatanchors Net


Il  filtru CU mi ha subito fatto pensare al Siemens E311 dove un indicatore segna i 100 KHz precisi e con la sintonia fine ci si muove nei 100 kHz, qui è la stessa cosa!
Con la sintonia brut quando in modalità “ filtru CU” si fa il punto sui 100 KHz ed il punto è indicato dallo strumento predisposto sulla indicazione corretta, quando l'indice rimane stabilmente nel segmento rosso, poi ci si sposta con la sintonia acord fin , peccato non sia uno 0-100 ma un -50+50!
Attenzione alle false indicazioni se le scale non sono ben allineate fra sintonia senza CU e con CU si possono prendere cantonate... Come sul E311...
Si moti che con CU inserito acord brut non consente una vera sintonia, infatti quando agganciato sui 100 KHz relativi piccoli spostamenti non hanno effetto, resta fisso sulla frequenza agganciata finché non sgancia!
Si provi col calibratore interno che lavora ogni 200 KHz, bfo a zero acord fin a zero ci dovrebbe essere battimento sia su CU che con sintonia libera, salvo piccoli disallineamenti .
Ho notato che la massa del l'apparato è sul positivo, nessun problema con il suo alimentatore ma se usate un alimentatore con negativo a massa e terra come quello che ho io si rischia di mandare in corto l'alimentatore...

Un apparato certo interessante che per il momento ho ma che ancora non conosco bene nella pratica operativa!

       73 Tiziano