lunedì 15 agosto 2016

Risolto il mistero dei segnali periodici in ELF ricevuti dall' Osservatorio di Cumiana

Nella stazione di Cumiana di Renato Romero , si rilevano a cadenza periodica ( ogni ora ) degli strani segnali nella gamma 0-36 Hz ( ELF - Extremely Low Frequencies )
Di seguito lo spettrogramma esteso con registrate diverse ore e le ipotesi di correlazioni con gli orare e le stazioni vicine .
Una volta durante un incontro assieme allo stesso Romero , si e' accesa la giusta lampadina : e se fossero i treni ?
Una veloce consultazione degli orari della tratta ferroviaria Torino Pinerolo , ha consentito una prima conferma indiretta .
Di seguito lo spettrogramma esteso con registrate diverse ore e le ipotesi di correlazioni con gli orari e le stazioni vicine e il sinottico delle tratte e stazioni ( per la verita' ora Porta Nuova e' stata sostituita da Porta Susa ) e lo schema delle rete Ferroviaria Piemontese .




DISTRIBUZIONE RETE ELETTRICA ITALIANA 



Ci piace pero' sempre avere conferme fisiche misurabili , per cui ,approfittando del fatto che sovente viaggio in treno ( sia alta velocita' - Italo , sia treni regionali - Trenitalia ) , ho effettuato alcune registrazioni a bordo dei segnali generati dai treni .
E' emerso che sia i treni alta velocita' che normali emettono "rumori" a frequenze basse , piu' frequenze dipendenti dalle velocita' del motore,  con una fondamentale , armoniche e frequenze di modulazione switching ( ricordiamo che le linee in Italia sono in corrente continua ed i motori dovrebbero essere in corrente alternata , per evitare le spazzole ).
Di seguito lo spettrogramma della partenza di Italo ( analizzata con Spectrum Lab )  , fino al raggiungimento della velocita' di crociera di 300km/h ( circa 420 Hz ) :


I treni regionali hanno andamenti simili , ma con frequenze minori .
Tutto cio' non bastava pero' a validare la tesi , treni diversi , linee diverse , tempi diversi , per cui abbiamo organizzato una prova definitiva .
Ho preso il treno Torino-Pinerolo ed ho registrato il segnale ricevuto nel treno con un sensore di campo magnetico autocostruito di cui avevo misurato le frequenza minima a -3dB pari a 7 Hz e massima paria a 10 KHz. Progetto di Renato Romero , realizzazione e modifiche congiunte con il sottoscritto , nome provvisorio VIC20 ( come uno dei primi PC di buona memoria .... ) .
Renato Romero ha registrato durante lo stesso tempo con due sensori di campo magnetico ortogonali modello ICS101 - Sistel : http://www.comsistel.com/product.php?id_product=15

Successivamente i segnali sono stati confrontati per rivelare eventuali parti comuni dovuti all'irradiazione di segnali da parte del treno .
L'analisi , effettuata con Sonic Visualizer e' riportata nella figura successiva .
Ovviamente non tutto cio' che viene generato e rivelato a bordo del treno viene ricevuto dalla stazione fissa di Cumiana , ma le aree di correlazione indicate in rosso , dimostrano la tesi .
Sono state ricevute a Cumiana le frequenze della motrice in fase di accelerazione vicino al punto piu' vicino del percorso ( primi segnali a lisca di pesce ) e alcune aree di rumore verticali che si ritiene che il treno generi per via della scintillazione del pantografo sulla linea .


Di seguito immagini fuori e dentro al treno ( mi sono posizionato proprio al di sotto del pantografo )







2 commenti:

Riccardo Rosa ha detto...

Le frequenze che sono state misurate , sono le armoniche generate dagli inverter che servono per alimentare i motori di trazione. Oramai per la trazione elettrica si usano solo motori in alternata, per motivi di affidabilità e manutenzione. L'inverter ,che al suo ingresso entra corrente continua, per alimentare i motori di trazione a tensione e frequenza variabile a seconda della coppia di trazione richiesta , genera parecchie armoniche. Queste armoniche sono in parte attenuate mediante dei filtri , ma nonostante tutto non si possono annullare. Queste armoniche potrebbero addirittura andare ad interferire con il sistema di sicurezza della ripetizione segnale, e per questo motivo prima di mettere in servizio sulla linea un nuovo modello di inverter, devono essere fatte parecchie prove per vedere che queste armoniche non vadano ad interferire con il sistema di sicurezza. Nel caso che l'inverter generi in maniera anomala delle armoniche pericolose , esiste un'apparecchietura che disalimenta immediatamente l'inverter , impedendo che le armoniche continuino ad essere generate.

Anonimo ha detto...

Ciao,

attenzione che òle linee standard sono a 3kV in cc mentre l'alta velocita' fuori dalle stazioni usa la 25KV in alternata a 50 Hz.

Roberto Perotti marinelluccia1 at tiscali.it

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.