sabato 10 ottobre 2015

Radioastronomia amatoriale per tutti: costruisci il tuo radiotelescopio e “ascolta” il Sole.

Con la radio si possono ascoltare molte cose...anche il rumore delle stelle. Quando la radio è utilizzata per “ascoltare” il cielo, quindi i segnali naturali emessi dagli astri, si parla di radioastronomia.
Questo sembra affascinante: perchè non provare costruire un piccolo radiotelescopio a microonde nel giardino di casa?
L'impresa è possibile se si utilizzano sistemi di antenna e componenti provenienti dal mercato della TV satellitare (banda 10-12 GHz), reperibili ovunque a basso costo. A garanzia di riuscita dell'esperimento, il “cuore” del sistema sarà un modulo sviluppato “ad hoc” che integra tutte le funzioni necessarie.
Data la piccola lunghezza d’onda, non è difficile ottenere buone caratteristiche direttive e sensibilità anche da strumenti amatoriali. Anche se a queste frequenze non “brillano” radiosorgenti molto intense (esclusi il Sole e la Luna), si può ottenere buona sensibilità utilizzando grandi larghezze di banda, pur mantenendo minima l'influenza dei disturbi artificiali.
Quindi, come primo e sicuro approccio alla radioastronomia propongo di costruire un ricevitore a potenza totale utilizzando i componenti commercialmente disponibili per le installazioni TV-SAT, abbinati al ricevitore RAL10AP di RadioAstroLab.

Ecco lo schema del radiotelescopio.

Come unità centrale ho indicato RAL10AP perchè integra le funzioni importanti dello strumento e garantisce il successo nella realizzazione anche da chi non è esperto di elettronica. Si tratta di un radiometro che amplifica il segnale proveniente dall’LNB (frequenza centrale 1415 MHz e larghezza di banda di 50 MHz) e, tramite un processore interno, esegue il calcolo della potenza RF, “digitalizza” il segnale rivelato con elevata risoluzione (ADC a 14 bit) e comunica con il PC (porta USB). Lo strumento è controllabile da remoto: si impostano la posizione della linea di “zero” sulla scala di misura (anche automaticamente), il guadagno e la costante di integrazione di post-rivelazione, la polarizzazione in ricezione e, volendo, si possono memorizzare i parametri. E' fornito il software per il controllo e per l'acquisizione delle misure.
RAL10AP dispone anche di un'uscita audio (post-rivelazione) utile per ascoltare il "rumore" delle radiosorgenti.

Ecco il nostro radiotelescopio in funzione mentre “osserva” il Sole che transita entro il lobo di ricezione dell'antenna.


Lo strumento è composto da una comune antenna TV-SAT con LNB e illuminatore, un cavo coassiale e il ricevitore RAL10AP. In una tipica realizzazione amatoriale vediamo il ricevitore RAL10AP e il PC portatile “incassati” all’interno di una scatola di cartone (rivestita di stagnola) per proteggerli dal calore del sole primaverile. Il PC registra la misura radiometrica con il software DataMicroRAL10 e, contemporaneamente, acquisisce e visualizza come spettrogramma il segnale audio di post-rivelazione tramite Spectrum Lab, software liberamente scaricabile da
Ecco registrata la radiazione del Sole quieto (emissione termica) a microonde.

Ho descritto un radiotelescopio “minimale” che consente un’agevole ricezione dei transiti solari e lunari, utilizzabile in dimostrazioni didattiche. Esso rappresenta un banco di prova e il punto di partenza per chi inizia, uno starter-kit per la radioastronomia.
L'unità RAL10AP è sempre valida, anche per applicazioni professionali: non c'è limite alla fantasia e alla sperimentazione per ottimizzare le prestazioni dello strumento utilizzando, ad esempio, antenne più grandi e stabilizzando termicamente la catena ricevente.

Per approfondimenti:

venerdì 9 ottobre 2015

New Heathkit kits.

Explorer Jr: TRF AM radio receiver kit - black case - GR-150-BK

 La Heathkit",  inizia nuovamente a produrre   

Dear Heathkit Insider,

“What I really hope Heathkit will produce,” a Silicon Valley colleague recently told me, “is a new radio kit with a beautiful finish, maybe in rosewood.” Something great to enjoy building and learn from, and also visually stunning, so he could put it in his living room and keep it forever.
Today, my friend gets his wish.
Exciting news. More on that in a moment.
It’s been a while since we wrote to our Heath Insiders. We promised not to clutter your email inbox until we had something to say. Here’s a quick summary of what we’ve quietly been doing at Heathkit during the past year: We assembled a terrific team of very talented, hard-working, inventive people. We acquired another company and merged its management, products, assets, and operations gracefully into Heath Company. We ensured we own every last bit of Heathkit intellectual property, to bring you all the manuals, books, vintage designs, and classic logos you love, unencumbered and in perpetuity. We built a company division and acquired a line of vintage add-on designs to sustain the vintage products so important to many Insiders. We developed and integrated our eBay site, so you can buy or bid on auctioned items. We authored and published a helpful Android software app on Heathkit’s GooglePlay site, with more apps to come.
That’s a lot, but there’s more. We’ve designed and developed a wide range of entirely new kit products. We authored the manuals for these kits, complete with the beautiful line art you rely on, preserving and respecting our iconic historic Heathkit style. We developed many new inventions and filed patents on them. We relocated Heathkit, and set up a factory, and a warehouse, and offices, in Santa Cruz, California, near Silicon Valley. We built the back office infrastructure, vendor and supply chain relationships, systems, procedures, operations methods, and well-thought-out corporate structure that a manufacturing company needs to support its customers, to allow us to scale instantly the day we resume major kit sales. All this effort enables us to introduce a fleet of new kits and helps ensure Heathkit can grow, prosper, and continue to bring you great new products for a very long time.
As you can see, we’ve been busy. It takes a lot to bring Heathkit back into the kit business. And we’ve done it.
We’ll have many product announcements coming, but today I want to tell you about our flagship kit.
It’s a simple kit—by intent. We feel an enormous responsibility to respect and maintain the incredible legacy of Heathkit. To us this means, bringing you kits you can build yourself, using our historic renowned Heathkit you-can-do-it “We won’t let you fail”™ approach, yielding working useful appliances so beautiful you’ll be proud to display and use them daily. It also means creating an educational experience that teaches you how they work, and how you can modify or repair what you own.
Further, we feel a very strong commitment to making this experience available to everyone, from 8 to 88 years old. That’s an especially high hurdle. And we’ve done it. The result is the Explorer Jr.™ It’s a simple, beautiful professional-looking little radio. It’s a historic design, made new. It comes in several different colors. You build it yourself. Take it anywhere. When you build it and as use it, you’ll learn to fall in love with radio, for the first time—or all over again. And it’s just the first in a series.
As a Heath Insider, you are special to us. In a few days, we’llconnect to our new website where our new products are listed. But you stayed with us through this process. And we want to thank you. So we are giving you, as an Insider, personal advance notice of the new products and new website through this email, before we tell the general public. We want you to know we appreciate your enthusiasm and respect for the Heathkit name and history.
We know that as an Insider, you want to own the first major kit we’ve issued in decades. But please also think about this:
Maybe you have a child, or a granddaughter or grandson, who is ready to start their lifelong love for technology, or who will benefit from the enormous self-esteem that comes from accomplishment. They deserve an Explorer Jr too. (Remember to choose the style they’ll want most—we have six colors). And then, please think about gently helping them build it. You might remember the parent-and-child graphics on the front of so many Heathkit manuals: We can’t count the number of Insiders who fondly remember an adult helping them build their first Heathkit when they were young. What a great way to spend time with someone you care about.
We do not expect initial stock to last long, so please don’t wait to visit our site. Also, please be patient while our new major kit, and new website, go from zero to sixty in two seconds. We might have a few bumps in the road as we scale up, and we appreciate in advance your patience. We’ll work with you to get everything we can right.
We anticipate 30-day shipping time for this week’s orders, and we’ll continue to do everything we can to get all kits ordered this Fall to you in time for the holidays. You can see and order the Explorer Jr. at now. Please don’t wait to be last: We don’t want to disappoint anyone, but most of all, we don’t want to disappoint our Insiders. Think about whether there’s anyone who would love one of these kits as a holiday present. And thanks for your loyalty and patience as we brought back to you Heathkit’s incredible legacy of the world’s best kits again.


Andy (President)
and the team at Heathkit

21° Mostra Scambio Materiale e Attrezzature Radiantistiche Torino

 Su segnalazione di AIRE Piemonte
LOCANDINA dell'edizione autunnale della MOSTRA SCAMBIO  che si svolgerà DOMENICA 15 NOVEMBRE 
Dalla Segreteria della Sezione
Antonio Curreri IZ1LMM

mercoledì 7 ottobre 2015

Esplosione solare (flare) ricevuta in streaming dall' Osservatorio HF WCCRO

Faccio seguito alle pubblicazioni ai collegamenti :

per allegare lo spettrogramma di un esplosione solare (flare) vista in streaming dall' Osservatorio HF WCCRO

Purtroppo l'immagine con scala temporare piu' estesa non e' stata memorizzata per una interruzione dello streaming , ma posso assicurare che il risultato e' estremamente simile ad alcune delle immagini registrate dell' osservatorio HF ( in particolare alla prima ) che ho installato in montagna e pubblicate al collegamento : 
L'ora sulla scala corrisponde all' ora locale Italiana .
Il che vuol dire che l'Osservatorio HF WCCRO nelle Hawaii era con il Sole non oscurato dalla Terra .

Anche il magnetometro di Torino con la sonda FGM-3 ha rilevato delle notevoli fluttuazioni del campo magnetico statico : 

lunedì 5 ottobre 2015

Ricezioni di esplosioni solari (Flares) in HF - Radiotelescopio

Il passo successivo nel miglioramento del Radiotelescopio HF di cui alle pubblicazioni :

e' stato quello di trovare un luogo molto quieto , ma con corrente elettrica e non distantissimo dal mio QTH .

Dopo un po' di ricerche e misure ho selezionato il luogo ed ho lasciato per una settimana un PC , un SDR-14 gentilmente prestato da Giampiero Bernardini ed un dipolo .
Fabrizio Francione e Renato Romero sempre basilari come appoggio tecnico e morale ...

La prima considerazione e' stata che quando si e' in un ambiente quieto , inquinarlo e' un attimo .
Ho avuto il piacere di dovere curare all' inverosimile la disposizone di apparati e linea di antenna .
Tanto per dirne una, in certe configurazioni , toccando con un dito lo schermo del PC portatile che acquisisce i dati , si captano i disturbi generati dallo schermo ...
Ci sarebbe da scrivere un trattato e ci sono ancora margini di miglioramento su cui lavorare, ma un rapido esame da 0.1 a 30 MHz ha rivelato segnali inimmaginabili dal mio QTH , oltre a due spettrogrammi con apparentemente l'impronta di eruzioni solari catturati nel pomeriggio delle prove .
Dico apparentemente perche' da Torino di vedere segnali cosi' deboli non ho la possibilita' e quindi non ho una diretta controprova .

I fenomeni si sono ripetuti durante la settimana , lo si deduce dai dati registrati che ho riportato indietro ieri pomeriggio , recandomi sul posto.
Di seguito riporto le immagini dei fenomeni piu' vistosi.
Gli orari sono locali .
Tutti i fenomeni si sono presentati con il sole ben visibile ed alto sul luogo di ricezione e le "impronte" sembrano molto simili a quelle di eruzioni solari ricevute da altri in altre occasioni.
Cio' non toglie che non possa affermare senza ombra di dubbio cio' che scrivo e che quindi non possa trattarsi di fenomeni locali invece che di tipo astronomico .

 Fenomeno di tipo doppio 

 Il fenomeno piu' vistoso . Sembrerebbe avere provocato prima e dopo un apertura di propagazione , ma e' solo una elucubrazione senza particolare fondamento .Ben visibili la tracce inclinate di ionosonde ( come nella prima immagine ) .

Altro fenomeno abbastanza intenso . I "buchi orizzontali " sono dovuti alla funziona Normalize di Spectrograph che con un algoritmo tende a cancellare i segnali di fondo sempre presenti . Le statiche verticali dovrebbero essere dovute a fulmini .Il segnale rosso orizzontale  a 26.2 MHz e' dovuto alla rete digitale di cercapersone .Ionosonde sempre presenti .

Altro fenomeno similare al precedente 

Fenomeno di durate inferiore , ma piu' "concentrato" . Immancabili le ionosonde che indicano come in quel momento la MUF ( Maximum Usable Frequency ) fosse piuttosto alta .

Come sopra , ma fenomeno meno intenso 

Si noti come i fenomeni sono sempre tendenzialmente "inclinati " da un certo lato ( a sinistra ) .
Buon segno ? 

La morale : Basilare trovare un posto quieto .

Le valli di montagna sono l'ideale . Schermano a bassi angoli lasciando libero il cielo 

Ed ora , che ci crediate o meno , questa e' l'antenna ( dipolo ,BEN BILANCIATO CON BALUN DI TENSIONE, a centro banda a 3 metri dal suolo per avere un massimo allo zenit ) 

Balun Minicircuits e lampadine al neon di protezione sotto silicone 

 Montaggio del dipolo e balun tra due alberi 

Un Guerriero Jedi si aggira nella zona alla ricerca della Forza Stellare 


domenica 4 ottobre 2015

" Network Analyzer e dintorni " - Serata a tema Venerdi 16 Ottobre 2015 ore 21.00 sezione ARI Loano

Ciao a tutti
con l'inizio della stagione invernale riprendono le serate a tema organizzate dalla nostra sezione, si parte Venerdi 16 Ottobre 2015 alle ore 21.00  con tema " Network Analyzer e dintorni " .
L'argomento della conferenza sarà l'utilizzo pratico della moderna tecnologia  SDR (Software Defined Radio) applicata ad uno strumento da laboratorio tra i più sofisticati, ovvero il Network Analyzer o Analizzatore di Reti.La presentazione verterà sul VNA low cost sviluppato dal radioamatore tedesco DG8SAQ, il prof. Thomas Baier dell'Università di Scienze Applicate di Ulm  (DL). Questo piccolo apparecchio ha reso possibile dotare il proprio laboratorio di un analizzatore di reti vettoriale, ad un prezzo accessibile anche a chi non ne  fa un uso professionale, con prestazioni assolutamente paragonabili a strumenti di altissimo livello.Verranno effettuati esperimenti pratici sulla misura della risonanza e del SWR  (Rapporto d'Onda Stazionaria) di antenne, sulla taratura di svariati tipi di  filtri a Radio Frequenza (Passa-Basso, a quarzo, Notch, Cavità) e sulle caratteristiche di cavi coassiali.
Mauro IK1WVQ e Alessandro IK1PLD, tecnici elettronici di professione, tratteranno temi, insomma, che toccano da vicino tutti i radioamatori ed appassionati di radiotecnica.

Appuntamento quindi Venerdi 16 Ottobre 2015 ore 21.00 , sala riunioni in Sezione ARI Loano Via Magenta 8, per chi non sa come raggiungerci la mappa per arrivare è consultabile qui a questo link:
grazie dell'attenzione Vi aspettiamo numerosi...!

Il Presidente della Sezione ARI Loano