mercoledì 16 gennaio 2013

Ascoltiamo Radio GIOVE




  Si può provare ad ascoltare i segnali radio da Giove?. Molti ricercatori ci sono riusciti, a parte la NASA, sono diversi i gruppi di appassionati che si dedicano  ad ascoltare radio Giove.
Con il mese di  gennaio le probabilità sono buone. Indispensabili sono un ricevitore,  un'antenna dedicata,un computer con scheda audio e un programma che permette l'acquisizione ed una successiva analisi tipo Spectran, spectral analysis program.Le frequenze da controllare sono  intorno ai 18 - 26 MHz .


Sul  sito dell'AIR si trovano diversi articoli su Radio Giove.  http://www.air-radio.it/giove.html
 Scrive Ruggero Ulivastro :

L'emissione radio di Giove in banda decametrica si sposta lentamente in frequenza. Vedete la foto: è uno spettrogramma dello osservatorio radioastronomico di Nancay, l'emissione di Giove è visibile verso le 23:36UT come "baffi" che partono da circa 15MHz fino a 35MHz (le linee orizzontali sono le potenti stazioni nelle bande broadcasting). Ad un istante T e su una frequenza F (ad es: 20MHz) si riceve un segnale che può avere una larghezza di banda di qualche kHz a qualche MHz (dipende dal tipo di emissione gioviana, i cosiddetti S-bursts o L-bursts).
Com'è questo "segnale"? Nell' altoparlante del ricevitore (in modo AM o SSB) si sente un rumore come la risacca del mare (L-bursts) o un crepitio (S-bursts). Quest'onda è generata dalla interazione (effetto ciclotrone) di elettroni col campo magnetico di Giove. Nel caso degli L-bursts l'ampiezza dell'onda cambia rapidamente a causa di interazioni col vento solare, quindi si può assimilare ad una modulazione in ampiezza. Per gli S-bursts la situazione è piu complessa. Evidentemente in un ricevitore tradizionale all'uscita dello stadio BF si trovano solo le componenti audio di questa modulazione.
L'ideale è un apparato SDR-IQ (Software Defined Radio), con un ricevitore tradizionale (IC-R75) utilizzo la SSB in quanto il "dynamic range" è più elevato in questo modo. Larghezza di banda: la più larga possibile, limitata dalle interferenze delle stazioni terrestre. Io utilizzo 1.5 kHz.

Credo che il ricevitore utizzato da Lorenzo sia quello di RadioJove (NASA) che si limita a ricevere in una banda di qualche decina di kHz attorno ai 20.1 MHz. Utilizzando un ricevitore amatoriale ed una antenna standard per radioamatori (quelle utilizzate durante i "field day", facilmente installabili e smontabili) si possono ricevere nella banda dei 21 MHz le emissoni di Giove che sono a larga banda e si spostano lentamente in frequenza, il problema è trovare una frequenza libera in questa banda affollata, ma credo che sia possibile di notte quando si ascolta Giove.


 Antenna dedicata: GW4MBN'S REVERSIBLE 20 METER VERTICAL MOXON
  
Altri tipi di antenne da provare : 2 elements Yagi  MOXON  http://rulivas.pagesperso-orange.fr/antenna.htm

 

Radio Giove NASA     http://radiojove.gsfc.nasa.gov


 RJ1.1 Receiver Kit - NASA




 RJ1.2 Antenna Kit -NASA

http://radiojove.gsfc.nasa.gov/telescope/ant_manual.pdf

 

Radio-Jupiter Pro  programma utile per le osservazioni radio di Giove.



Da provare  da ottobre a marzo con il picco a dicembre-gennaio e a quanto pare il 2013 sarà un anno particolarmente fortunato a causa della vicinanza con la terra. Le prossime giornate favorevoli per il mese di gennaio saranno il 22  dalle 18.00 alle 21.00, il 29/ dalle 19.00 alle 22 .00 (ora solare). Buon ascolto di Radio Giove.

1 commento:

Claudio Re ha detto...

I segnali da Giove in Onde Decametrice sono in realta' generati dal surriscaldamento mareale di Io che espelle anidride solforosa che poi precipita ionizzandosi su Giove e per effetto ciclotrone genera delle specie di aurore responsabili dei segnali. Per chi volesse approfondire:http://www.tng.iac.es/users/boschin/RadioAFAM/Giove/radiogiove.htm

Posta un commento

I commenti sono aperti a tutti e sono soggetti insindacabilmente a moderazione.
NON SARANNO PUBBLICATI COMMENTI SE PRIVI DI NOME E COGNOME ED EMAIL.
IL SOLO NOMINATIVO RADIOAMATORIALE NON SOSTITUISCE IL NOME E COGNOME RICHIESTO.
Grazie.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.