sabato 31 marzo 2012

Radioamatori celebri, una lunga lista

Radioamatori celebri, una lunga lista


Il 17 agosto, i radioamatori italiani commemorano Francesco Cossiga I0FCG, scomparso esattamente un anno fa. Il compianto Presidente Emerito della Repubblica era uno dei numerosi uomini delle Istituzioni, o del mondo della cultura e dell’arte, appassionati al radiantismo e titolari di patente e licenza. Alcuni sono, purtroppo, scomparsi prima di FCG, e non possono quindi più manifestarsi nelle bande, altri però restano attivi e offrono, di tanto in tanto, l’opportunità di un QSO da ricordare a lungo. Nelle prossime righe cercheremo di ricordare i primi, e di compiere una “panoramica” sui secondi, nella consapevolezza che difficilmente riusciremo ad essere esaustivi. Sappiate comunque che questo argomento è affrontato da vari siti web, in costante aggiornamento (come “The original famous hams and ex-hams list”, curato da N2GJ e W2SG), ed anche da un gruppo Facebook.
Tra gli scomparsi, il radioamatore più celebre era indubbiamente Re Hussain di Giordania, call JY1. La sua attività frequente è testimoniata, oltre che dai ricordi di molti di coloro che l’hanno contattato, dalla sua QSL, con tanto di sigillo reale, conservata e orgogliosamente mostrata da tanti OM. Assimilabile al caso del regnante giordano è quello di Rajiv Ghandi, primo ministro indiano caduto vittima di un attentato il 21 marzo 1991. Il suo call era VU2RG (oggi in uso a un radio club in sua memoria) e questa pagina offre un profilo autobiografico e permette di vedere, tra l’altro, la sua QSL e la sua licenza. Va infine segnalato che la sua vedova, l’italiana Sonia Ghandi, è anche lei radioamatrice: VU2SON.
La lista degli uomini di Stato che hanno solcato le onde comprende poi, necessariamente, JI1KIT, ovvero Keizo Obuchi, l’ottantaquattresimo primo ministro giapponese, scomparso il 14 maggio 2000, all’età di sessantadue anni. “Si dice che io sia una persona dall’esistenza ordinaria – spiegò in un’intervista -. Voglio solo che la gente sappia che sono un uomo che fa ciò che deve essere fatto”. Una riflessione che, al di là di qualsiasi valutazione politica, ben si sposa con lo spirito che dovrebbe ispirare un radioamatore.
Guardando alla politica americana, poi, impossibile non citare il senatore Barry Goldwater, che negli anni sessanta corse per la Casa Bianca. Licenziatosi negli anni venti, ebbe molteplici callsign: 6BPI, K3UIG e K7UGA. Quest’ultimo è ora in uso ad un Radio Club dell’Arizona, che onora la sua figura. Il suo impegno a sostegno del radiantismo fu significativo: negli anni della guerra del Vietnam, attraverso la prima architettura del sistema MARS (Military Affiliate Radio System), diede a molti soldati la possibilità di parlare con le famiglie a casa. Inoltre, dal 1969 e fino alla sua scomparsa (nel 1998, a 89 anni), apparve in numerosi video divulgativi, realizzati dalla ARRL. Il primo fu “The World of Amateur Radio”, prodotto da Dave Bell (W6AQ), in cui diede dimostrazione di un contatto con l’Antartico.
Spostandosi agli uomini di spettacolo, emblematico è il caso di Marlon Brando. Non così noto al di fuori della comunità radiantistica è il fatto che il celebre attore americano, due volte premio Oscar, fosse OM. Noto con lo pseudonimo di Martin Brandeaux (che tutt’oggi compare nella sua scheda su QRZ.com), ebbe due callsign: uno americano, KE6PZH, e l’altro legato alla sua isola privata nella Polinesia Francese, FO5GJ. Nel 1994, nella celebre intervista rilasciata a Larry King, uomo simbolo di CNN dalle inconfondibili bretelle rosse, l’attore conferma tra l’altro la passione per la radio.
La lista, specie tra gli Statunitensi, sarebbe ancora molto lunga. Vogliamo comunque ricordare ancora: W1AW, Hiram Percy Maxim (sk nel 1936, pioniere del radiantismo e tra i fondatori dell’ARRL); K1AYA, Walter “Pee Wee” Hunt (scomparso nel 1979, apprezzato trombonista jazz e vocalist); W1UHI, Ernest Wheatley (1993, insignito del titolo di “più longevo radioamatore americano”, conferitogli a 106 anni); W1ZE, Irving Vermilya (1964, primo OM licenziatosi negli USA, come testimoniato da questo articolo); W2ALS, Frank Gunther (1999, diede un impulso impareggiabile allo sviluppo delle VHF, installando nel 1932 la prima rete radio mobile usata dalla Polizia); K2GL, Hazard E. Reeves (1986, inventore del sistema stereofonico usato nel cinerama); KB2SGD, Walter Kronkite (2009, celebre corrispndente televisivo della CBS); N3BIZ, Winthrop M. Leeds (1998, inventore che brevettò oltre cento creazioni); Katashi Nose, KH6IJ (nome che fa ancora oggi luccicare gli occhi ai DXer americani della “vecchia guardia”, popolare com’era tra i contesters, per la sua maestria nel cw. Il suo call appartiene adesso alla figlia Frances). Non possono poi essere dimenticati Ambrogio Fogar, I2NSF, navigatore solitario /MM a bordo del “Surprise” (mancato nel 2005) e VE2AHZ/VK2AHZ, Robert W. Lane, popolare come “il padre della country music texana”. Scomparso nel 1983, a sessantasei anni, compose e registrò oltre trecento canzoni.
Su tutti, però, non possiamo astenerci dal ricordare il francescano polacco Massimiliano Maria Kolbe. Beatificato nel 1971, è stato proclamato santo da Giovanni Paolo II nel 1982 ed è il patrono di tutti i radioamatori del mondo. Nel 1938 conseguì la licenza e fu attivo per alcuni anni con il nominativo SP3RN. Nel 1941, si offrì di prendere il posto di un padre di famiglia destinato al bunker della fame, nel campo di concentramento di Auschwitz, dove perì.
La lista delle “celebrità ham” ancora viventi, non può poi non partire che da EA0JC, re Juan Carlos

di Spagna (ecco la sua QSL, gestita oggi dall’URE, per i QSO effettuati da stazioni speciali attivate di volta in volta nelle città visitate dal Sovrano, giacché lui non è più attivo personalmente dalla morte di JY1), e passare immediatamente dopo per HS1A, il re di Thailandia, Bhumiphol Adulayadej, e la sua naturale erede al trono, la principessa Maha Chakri Sirindhorn, HS1D. Carlos Saul Menem, presidente della Repubblica Argentina nel decennio 1989-1999 è titolare del call LU1SM e non manca chi ha visto confermato un QSO con questo illustre collega. Non dimentichiamo, poi, il nostro Re: I1RFQ.
Anche in medio-oriente, sono numerosi i regnanti con la passione per il radiantismo. Ecco la scheda biografica di 9K2CS, principe Yousuf al-Sabah del Kuwait. Dalla vicina Arabia Saudita, di tanto in tanto, fanno capolino HZ1TA, il principe Talal bin Abdul-Aziz Al Saud, e HZ1TC, il principe Al-Waleed bin Talal, nipote del re Abdullah. Spostandoci tra i rappresentanti del mondo dello spettacolo, forse non molti sapranno che l’attore e musicista Goran Bregovic è stato radioamatore, con il call YU4ZU, che oggi purtroppo è però scaduto. Ancora attivo è, invece, G0OAN, Feargal Sharkey, che raggiunse il successo come cantante della band pop punk “The Undertones”. In Italia, invece, vi è un trittico radiantistico tutto targato “La Scala”. A comporlo sono Carlo Camerini, I2CUK, direttore del Palcoscenico del celebre teatro milanese, il baritono Domenico Giglietti, I2DMH e I2LHZ, cellista.
Concludiamo con due storie che mettono in luce, una volta di più, quanto la radio possa essere d’aiuto in determinate situazioni e che sono valse ai loro protagonisti l’appellativo di “celebrità della radio”. In ordine cronologico, la prima, raccontata approfonditamente in questo articolo della BBC, vide il tipografo scozzese Les Hamilton, GM3ITN, avvisare l’Inghilterra dell’invasione delle Falklands da parte dell’Argentina. Nella seconda, invece, 9K2DZ, Abdul Jabbar Marafie, nell’agosto 1990 ha mantenuto i contatti con il resto del mondo dal Kuwait invaso dagli iracheni. Un’opera eroica, per cui ha ottenuto nel 1992 l’“Humanitarian award” dell’ARRL.
Con il popolamento sempre più sostenuto delle bande, e le loro agende fitte, non è semplice collegare uno di questi OM. Però, segnatevi i loro callsign. Non si sa mai chi possa rispondere, quando si chiama CQ…

QSL di conferma ricevuta come SWL I1-14077 da JY1
, Re Hussain di Giordania, ricezione del 22/02/1970

giovedì 29 marzo 2012

LRA36 Radio Nacional "Arcangel San Gabriel"



LRA36 Radio Nacional "Arcangel San Gabriel"




LRA36 Radio Nacional "Arcangel San Gabriel" Base Esperanza Antartide - Argentina è l'unica stazione radio esistente nel continente antartico ,trasmette su 15476 kHz dalle 1800 alle 2100 UTC in lingua spagnola con 10 PWR . Stazione non facile da ascoltare, quest'anno è stata da me ascoltata una sola volta (26 gennaio) in USB, conferma con cartolina QSL .
E-Mail: 
lra36@hotmail.com

VLF


In un mio precedente scritto parlavo della realizzazione di una Antenna performante che chiamavo “Filare Verticale”

Vedi   http://air-radiorama.blogspot.it/2012/01/radiorama-web-n4-bonus-ndb-2a-puntata.html di cui ripropongo in breve le caratteristiche tecniche e cioè: filo elettrico di lunghezza 12,5 mt montato su canna da pesca di 10 mt montata su un supporto di 6 mt, con alla base un Balun 1:32 autocostruito con Toroide di circa 5 cm di diametro formato da una miscela per frequenze bassissime con avvolto N° 8 fili di rame smaltato 0,5 mm per N° 8 spire realizzato come da schema Balun 1:16 che trovasi nel Sito suddetto. I risultati relativi a prove fatte su bande di Frequenze di maggior interesse, vedi Onde Medie, Corte e relativi alla banda degli NDB, che è il campo d’ ascolto da me preferito, sono davvero performanti come si evince dai relativi Screenshot sempre inseriti nel suddetto Sito. In questo mio scritto, invece, pongo all’ attenzione del lettore alcuni Screenshot in cui si evince la ricezione di frequenze anche nel Range delle VLF e cioè due delle tre frequenze relative al Sistema di Radionavigazione ALFA della RUSSIA e cioè la 12.649 kHz e la 14.881 kHz con un picco di discreta intensità, inoltre le frequenze delle Stazioni Marittime da 18 a 24 kHz e nel secondo Screenshot anche quella a 25 kHz, una delle 6 Stazioni di Tempo e Frequenza Campione sempre della RUSSIA, con un picco davvero eccezionale, confermando in questo modo le eccellenti qualità ricettive dell’ Apparato SDR PERSEUS della Microtelecom, 10 kHz – 30 MHz

mercoledì 28 marzo 2012

A.I.R. Contest 2012 “Attilio Leoni” Classifica finale – Final results


Associazione Italiana Radioascolto Casella Postale 1338 – 10100 Torino AD
A.I.R. Contest 2012Attilio Leoni

Classifica finale – Final results

N° Partecipante - Paese Punti

  1. Alessandro Mura, Italia-AIR 5187
  2. Dmitri Mezin, Russia 5038
  3. Jean Barbat, Francia 4809
  4. Fiorenzo Repetto, Italia-AIR 4299
  5. Hans Nerlich, Germania 3936
  6. Werner Siegel, Germania 3235
  7. Daniel Thielin, Francia 2667
  8. Bernard Grondin, Is. de la Réunion 2599
  9. Giuseppe Pettiti, Italia-AIR 2523
  10. Guy Le Louet, Francia 2368
  11. Claudio Dario Perdomo, Argentina 2304
  12. Rodolfo Zucchetti, Italia-AIR 2274
  13. Cläes-W. Englund, Svezia 1929
  14. Jose Luis Salaverria Gomez, Spagna 1830
  15. William Patalon III, USA 1488
  16. Sergius Panasyuk, Ucraina 1487
  17. Ermanno Pasquini, Italia-AIR 1461
  18. Peter Weissengruber, Austria 1410
  19. Eugeniy A. Konyushenko, Russia 1385
  20. Arnold Heiles, Lussemburgo 1238
  21. Gilles Gautier, Francia 1185
  22. Marcel Lecerf, Francia 1041
  23. Jürgen Biesinger, Germania 644
  24. Michael Brawanski, Germania 596
  25. Hans Peter Themann, Germania 570
  26. Sandro Montorsi, Italia-AIR 516
  27. Hugo Calderon C., Messico 496
N° Participant – Country Points
Sponsor AIR CONTEST

Classifica parziale – Partial results

Partecipante-Paese

1° parte
2° parte
Punti dettagli
Punti extra
Ricevitore
A. Mura, Italia-AIR
3703
1184
200
100
ICOM IC-737 / YAESU VR-5000
D. Mezin, Russia
3628
1110
200
100
Icom IC-R75/ Sangean ATS909
J. Barbat, Francia
3625
1184
/
/
Yaesu FRG7700
F.Repetto, Italia-AIR
2815
1184
200
100
Racal RA1792
H. Nerlich, Germania
2452
1184
200
100
Tecsun PL-600
W. Siegel, Germania
1851
1184
200
/
JRC NRD-525
D. Thielin, Francia
1557
1110
/
/
JRC NRD-545
B. Grondin, Is.Reunion
1115
1184
200
100
DR49 National Panasonic
G. Pettiti, Italia-AIR
1843
740
200
100
Perseus
G. Le Louet, Francia
1332
1036
/
/
Icom IC-R70
C.D. Perdomo, Argentina
1116
888
200
100
Icom IC-R75/Sony ICF-2010
R. Zucchetti, Italia-AIR
1408
666
200
/
Icom IC756 ProII
C. Englund, Svezia
815
814
200
100
Sangean ATS909
J.L.SalaverriaG., Spagna
1482
148
200
/
Sony ICF-SW35
William Patalon III, USA
596
592
200
100
Eton E1XM/Icom R-75
S. Panasyuk, Ucraina
299
888
200
100
/
E. Pasquini, Italia-AIR
965
296
200
/
Grundig Yacht Boy 207
P.Weissengruber, Austria
592
518
200
100
JRC NRD-535 DG
E.A.Konyushenko, Russia
889
296
200
/
Ishim
A. Heiles, Lussemburgo
298
740
200
/
Kenwood R-5000
G. Gautier, Francia
593
592
/
/
Sangean ATS909

M. Lecerf, Francia

597
444
/
/
Yaesu FRG7700
J. Biesinger, Germania
148
296
200
/
Lowe HF-150

M. Brawanski, Germania

74
222
200
100
Siemens RK 770

H.P.Themann, Germania

222
148
200
/
Degen DE1103

S. Montorsi, Italia-AIR

297
/
200
/
Degen DE1103

H. Calderon C., Messico

148
148
200
/
Radio Kaito 2100

Participant – Country

1st
part
2nd part
Detail
points
Extra points
Receiver

Lista dei premi – Prize lists

1° premio : balun 1:32 offerto all’AIR dal Socio Claudio Re ad Alessandro Mura, Italia
2° premio : libro sul radioascolto offerto dalla Klingenfuss Publications a Dmitri Mezin, Russia
3° premio : libro “Spezialfrequenzliste 2011/2012” offerto dalla GR Pubblicazioni di Genova a J. Barbat, Francia
Tra tutti i partecipanti, esclusi i primi tre classificati, sono stati sorteggiati i seguenti premi:
offerti dall’Associazione Italiana Radioascolto ( www.air-radio.it ) :
§ Due libri dedicati al mondo della radio e del radioascolto a H.Nerlich, Germania e M.Lecerf, Francia
§ Tre folder filatelici a J. Biesinger-Germania, C. Englund-Svezia e E.A.Konyushenko, Russia
offerti dalla ditta EDIZIONI C&C srl ( www.edizionicec.it ) :
§ Due abbonamenti alla rivista RadioKitElettronica a F. Repetto, Italia e G. Pettiti, Italia
Per informazioni sulla prossima edizione dell’A.I.R. Contest 2013 scrivete a (allegare francorisposta):
For information to next A.I.R. Contest 2013 edition write to (enclose one €uro or one IRC):
A.I.R. Contest 2013 c/o PECOLATTO Bruno, Casella Postale 1338, 10100 TORINO AD, ITALIA